Gli scandali e le eresie di Antipapa Giovanni XXIII

Ivo Marsaudon, Frammassone del trentatreesimo grado del rito Scozzese, Affermò:

“Il senso dell’universalismo rampante a Roma oggidì è molto vicino al nostro scopo di esistenza, con tutti i nostri cuori noi sosteniamo la rivoluzione di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Giovanni XXIII.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù l’uomo che convocò il Concilio Vaticano II, e che finse di essere Papa dal 1958-1963.

Esaminiamo alcuni fatti circa Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, nacque nel 1881, per, poi, arrivare a detenere postazioni diplomatiche in Bulgaria, in Turchia ed in Francia.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù anche “patriarca” di Venezia in Italia

Alcune delle attività di Antipapa Giovanni XXIII

avanti la sua “elezione come Papa” nel 1958

Il Santo Uffizio aveva per anni mantenuto un fascicolo su Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, bollandolo come modernista sospetto.

La cartella datava 1925, anno in cui Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, risaputo per i suoi insegnamenti eterodossi, fù bruscamente rimosso dalla sua cattedra di docenza presso il seminario Laterano a metà semestre, in quanto accusato di modernismo, per essere spedito in Bulgaria .

Il trasferimento in Bulgaria diede inizio alla sua carriera diplomatica.

Di particolare preoccupazione per Roma era la continua e ravvicinata associazione di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, con Ernesto Bonaiuti, il prete scomunicato per eresia nel 1926.

Già dal 1926 Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, scriveva agli Scismatici Orientali, cosiddetti Ortodossi.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII ad uno Scismatico Orientale, 1926: 

“I Cattolici e gli Ortodossi non sono nemici, bensì fratelli.

Noi deteniamo la medesima Fede; 

noi condividiamo i medesimi Sacramenti e soprattutto l’Eucaristia;

noi siamo divisi da alcuni disaccordi concernenti la Divina costituzione della Chiesa di Gesù Cristo.

Le persone essenti state la causa di tali disaccordi sono morte da secoli. Abbandoniamo noi queste vecchie dispute e, ciascuno nel suo proprio dominio, lavoriamo di modo da rendere i nostri fratelli buoni, dandogli il buono esempio. 

Di poi, benché viaggianti su sentieri differenti, noi raggiungeremo l’unione fra le chiese di modo da formare assieme la vera ed unica Chiesa di nostro Signore Gesù Cristo.” :

Tale affermazione significava la bestemmia per cui la vera Chiesa Cattolica non era stata ancora stabilita.

Nel 1935 Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, giunse in Turchia, divenendo amico di Naman Rifat Menemengioglu.

Il sottosegretario al Ministero degli Esteri Turco Menemengioglu comunicò ad Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII:

“La sicurezza dello stato è il nostro principio fondamentale e la garanzia della nostra libertà.”, il quale rispose:

“La Chiesa starà attenta a non infrangere la vostra libertà.”

Mentre si trovava in Turchia Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, dichiarò anche:

“Voi Irlandesi siete impossibili da sopportare.

Il momento stesso che voi venite al mondo, già da prima di essere battezzati, voi incominciate a dannare chiunque non appartenga alla Chiesa Cattolica, specialmente i Protestanti.”

Ecco un’altra citazione dimostrante le visioni eretiche di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII

Visioni eretiche di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII:

“La estrema fazione anti-Cattolica della chiesa Greca Ortodossa annunciò gioiosamente un concordato con la chiesa di Inghilterra mediante il quale ognuna avrebbe riconosciuto la validità dei Sacri Ordini dell’altra.”

Tuttavia, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, si rivelò genuinamente soddisfatto.

Ai Greci, domandatogli viscidamente cosa egli pensasse del concordato, egli rispose sinceramente:

“Io ho nulla fuorché lodi per lo zelo dei nostri fratelli separati nell’operare un passo verso l’unione di tutti i Cristiani.”

Desmondo O’Grady, già corrispondente della Posta di Guassintona [Washington post], riportò che Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, nel 1944 ad Istanbul, Turchia, “diede un sermone circa un concilio da tenersi nel periodo post-bellico.”

Allorché Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù nunzio in terra Francese, egli venne nominato osservatore della Santa Sede presso l’agenzia culturale delle Nazioni Unite, UNESCO.

Nel Luglio 1951 egli fece un discorso “sgradevolmente lodevole nei confronti dell’UNESCO.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, appellò l’UNESCO:

“una grande organizzazione internazionale.”

Allorché Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù nunzio in terra Francese egli designò un suo caro amico frammassone di trentatreesimo grado, il barone Ivo Marsaudon, a capo del ramo Francese dei Cavalieri di Malta, un ordine laico Cattolico.

Antipapa Giovanni XXIII ammise di essere un frammassone

Ivo Marsaudon, il suddetto frammassone Francese ed autore, sostenne anche che Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, divenne un massone di trentatreesimo grado durante la sua esperienza in Francia come nunzio. 

Maria Ball Martinez scrisse che, dalle loro postazioni, le guardie repubblicane Francesi notarono il nunzio, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, lasciare la sua residenza in abiti civili per frequentare gli incontri serali del Giovedì della loggia massonica del Grande Oriente di Francia. 

Mentre un tale drammatico conflitto di lealtà snerverebbe qualunque uomo medio, sia egli un Cattolico od un frammassone, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, sembra avere addomesticato la questione.”

La rivista 30 giorni [30 days] tenne anche un’intervista, svariati anni or sono, con il capo dei frammassoni Italiani.

Il gran maestro del Grande Oriente di Italia dichiarò:

“Circa quello, sembra che Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, sia stato iniziato, alla loggia massonica, a Parigi, partecipando al lavoro dei seminari di Istanbul.”

Una volta, a Parigi, il “monsignore” Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, frequentò un banchetto, sedendosi accanto ad una donna abbigliata con un abito corto molto immodesto.

La compagnia di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, si sentì difficilmente a suo agio.

Gli ospiti gli lanciavano continui sguardi.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, ruppe il silenzio proclamando con umorismo:

“Io non posso immaginare il perché tutti gli ospiti continuano a fissare me, povero vecchio peccatore, quando la mia vicina, la nostra incantevole ospite, è molto più giovane ed attraente.”

Quando Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù, in seguito, “elevato al collegio cardinalizio”, egli insistette che ricevesse il cappello rosso dal socialista ateo e notoriamente anticlericale Vincenzo Auriol, il presidente Francese, da lui descritto come un onesto socialista.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII da “cardinale”, avente scelto di ricevere il suo capello cardinalizio da Vincenzo Auriol, il notorio anticlericale.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, si inginocchiò dinnanzi a Vincenzo Auriol, il quale pose la berretta cardinalizia sul capo di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII.

Vincenzo Auriol, poi, appese un “largo nastro rosso attorno al collo del cardinale, abbracciandolo su ciascuna guancia con piccolo abbraccio da orsacchiotto impartente il calore personale al protocollo formale.”

Vincenzo Auriol si dovette asciugare le lacrime con un fazzoletto quando Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, se ne andò per assumere la sua nuova dignità da “cardinale”.

Durante le funzioni sociali a Parigi, Francia, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù spesso anche visto socializzare con l’ambasciatore Sovietico Bogomolov, sebbene il governo di questi avesse, e sì aveva, ripreso la sua politica pre-bellica di brutale sterminio di tutti i Cattolici in Russia .

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, socializzante con l’omicida dei Cattolici.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, era anche risaputo essere un buon amico e confidente di Edoardo Herriot, il segretario dei socialisti radicali anti-Cattolici Francesi.

“Forse, l’amico più grande di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, era il gran vecchio socialista ed anticlericale Edoardo Herriot.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, con Edoardo Herriot ed altri radicali.

Prima che Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, lasciasse Parigi, Francia, egli tenne una cena di addio per i suoi amici.

“Gli ospiti includevano politici di destra, di sinistra e di centro, uniti in questa una occasione nel loro affetto per il loro ospite generale.”

Allorquando Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù “cardinale” di Venezia, Italia, egli non offrì nessuna base ai comunisti per criticarlo.

Gli abituali insulti anticlericali lasciarono spazio ad un silenzio rispettoso.

A Venezia, Italia, il “cardinale” Angelo Giuseppe Roncalli ” esortò i fedeli ad accogliere i socialisti di tutta Italia, i quali stavano organizzando il loro trentaduesimo raduno di partito” a Venezia, Italia.

“Il patriarca”, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fece esibire manifesti su tutti i muri di Venezia per l’apertura del trentaduesimo congresso del partito socialista Italiano nel Febbraio del 1957.

Essi dettavano quanto segue:

“Io accolgo l’eccezionale significato di questo evento, il quale è sì importante per il futuro del nostro paese.”

Papa Pio XI, Quadragesimo anno (120), 15/05/1931: 

“Nessuno può essere al medesimo tempo un buon Cattolico ed un vero socialista.”

Una volta Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, parlò presso il Comune di Venezia, Italia.

Egli affermò quanto segue:

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, presso il Comune di Venezia, Italia:

“… io sono felice di essere qui, quantunque siano presenti alcuni non appellantisi Cristiani, però accreditabili come tali in virtù delle loro buone azioni.”

Ciò è palesemente eretico.

Le attività e le affermazioni di Antipapa Giovanni XXIII appresso la sua “elezione come Papa” nel 1958

Poco dopo essere stato “eletto” ed essersi trasferito in Vaticano Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa “Giovanni XXIII, trovò un’antica statua di Ippolito, un antipapa del terzo secolo.

Egli fece restaurare la statua, piazzandola all’entrata della biblioteca Vaticana.”

“Visi scontenti apparvero ovunque in Piazza San Pietro allorquando Angelo Giuseppe Roncalli, alias antipapa Giovanni XXIII incominciò la sua prima benedizione Papale, poiché egli sollevò a mala pena le braccia.

Il suo Segno della Croce apparve ai Romani come un gesto pietoso, in quanto egli apparve muovere i suoi polsi ad altezza anche.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, si pronunciò imbarazzato nel essere indirizzato come Santità o Santo Padre…

Per lungo tempo Angelo Giuseppe Roncalli, alias antipapa Giovanni XXIII, diceva:

“io”, invece che “noi” nei discorsi ufficiali.

I Papi sono attesi usare “noi” e “ci” almeno in occasioni ufficiali.”

Allorché, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII pubblicò un enciclica sulla Sacra Penitenza:

essa proclamò nessun digiuno, né alcun giorno obbligatorio di astinenza dal cibo od altri piaceri secolari.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII rivelò di sé stesso:

“Io sono un Papa che preme sull’acceleratore.”

“Esistono solamente 3 modi donde un uomo si rovini: donne, gioco d’azzardo ed… il raccolto.

Mio padre scelse il più noioso dei 3.”

“Noi non intendiamo condurre un’azione legale nei confronti del passato. 

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, descrisse come il comportamento del Concilio Vaticano II, dovesse a suo avviso essere con tali parole:

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, sugli eretici, gli scismatici e gli acattolici.

Il padre di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, era un viticoltore.
Parlando di suo padre, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII affermò:

Noi non vogliamo dimostrare chi ebbe ragione e chi torto. 

Tutto ciò che noi vogliamo dire è:

“Congiungiamoci;

terminiamo le nostre divisioni.”

Le sue istruzioni al “cardinale” Bea, capo del segretariato del cosiddetto Concilio per le unioni dei Cristiani, furono:

“Noi dobbiamo appartare, per il momento, quegli elementi sui quali noi differenziamo.”

Una volta un “uomo del congresso esclamò:

“Io sono un Battista”,

sorridendo Angelo Giuseppe Roncalli, alias antipapa Giovanni XXIII, rispose:

“Beh, io sono Giovanni”.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, comunicò all’acattolico Ruggiero Schutz, fondatore della comunità di Taisa [Taizé], Francia, un monastero ecumenico acattolico:

“Voi siete nella Chiesa, siate in pace.”

Schutz esclamò:

“Ma allora noi siamo Cattolici.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, rispose:

“Sì, noi non siamo più separati.”

Ciò è palesemente eretico. 

Papa Eugenio IV, Concilio di Firenze, Cantate Domino, 1441:

“Làdonde, essa, la Chiesa Cattolica, condanna, rigetta, anatemizza e dichiara essere al di fuori del corpo del Cristo, il quale è la Chiesa, chiunque detenesse visioni opposte o contrarie.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, ricevette in Vaticano il primo “arcivescovo” di Conturbia [Canterbury], Regno Unito, il primoprelatodella chiesa Episcopale Statunitense ed il primo sommo sacerdote Scintoista.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, rimarcò una volta:

“Se io fossi nato Mussulmano io credo che sarei sempre rimasto un buon Mussulmano, fedele alla mia religione.”

Uno dei primi atti di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù quello di ricevere lo Scià Persiano Maomettano in udienza.

Quando lo Scià Iraniano se ne stava per andare Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, gli diede la sua benedizione, da lui ricostruita delicatamente di modo da evitare di offendere i princìpi religiosi Mussulmani“:

“Possa il più abbondante favore del Dio onnipotente essere con te”.

Nel ricostruire la benedizione Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, rimosse la Santissima Trinità, la quale è da invocare durante la benedizione, acciocché non offendesse l’infedele, offrendo la benedizione stessa ad un membro di una falsa religione.

Ciò è contrario all’insegnamento Scritturale, vietante l’offerta della benedizione agli infedeli, come ripetuto da Papa Pio XI.

Papa Pio XI, Mortalium animos (9), 06/01/1928:

“Tutti sanno che Giovanni stesso, l’Apostolo dell’amore, il quale sembra rivelare nel suo Vangelo i segreti del Sacro Cuore di Gesù, cessando giammai di imprimere nelle memorie dei suoi seguaci il nuovo comandamento amatevi l’un l’altro, vietò integralmente intercorso alcuno con coloro professanti una forma mutilata o corrotta dell’insegnamento del Cristo:

“Se un uomo venisse a voi e non recasse questa dottrina, che non lo riceviate in casa né gli diciate:

Dio ti benedica, 2 Giovanni 10.”

Il 18/07/1959, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, soppresse la seguente orazione: 

“Sia Tu il Re di tutti coloro ancora coinvolti nell’oscurità dell’idolatria o nel Maomettanesimo.”

Nel suo Breve Apostolico del 17/10/1925, Papa Pio XI ordinò che tale orazione fosse recitata pubblicamente il giorno della festa del Cristo Re.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, “rimosse” dal calendario dei santi i 14 Santi Ausiliatori ed una serie di altri santi, inclusa Santa Filomena.

Santa FILOMENA

Santa Filomena è solamente una dei santi “rimossi” dal calendario dei santi dagli Antipapi Giovanni XXIII e Paolo VI.

Sotto Papa Gregorio XV, la Sacra congregazione dei riti diede una piena e favorevole decisione in favore della venerazione di Santa Filomena;

inoltre, Papa Gregorio XVI donò a Santa Filomena i titoli di Grande operatrice di meraviglie del XIX secolo e di Patrona del Santo Rosario vivente.

Ella fu canonizzata dal medesimo Papa nel 1837. 

Una canonizzazione di una santa Ã¨ “una dichiarazione pubblica ed ufficiale di una virtù eroica di una persona e dell’inclusione del suo nome nel canone dei santi…

Questo giudizio della Chiesa è infallibile ed irriformabile.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII affermò:

“… chiunque strillasse sarebbe ingiusto. Noi dobbiamo sempre rispettare la dignità dell’uomo dinnanzi a noi e soprattutto la libertà di ogni uomo.”

Di sotto vi è una foto di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, incontrantesi con uno Scismatico Orientale durante il Vaticano II.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII volle la partecipazione del clero delle chiese “Ortodosse” di Russia, composto in gran parte da agenti dei servizi segreti Sovietici, al Vaticano II.

Gli “Ortodossi” comunicarono che parte del loro clero avrebbe preso parte a patto che non si condannasse il Comunismo.

Làdonde, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, l’iniziatore dell’apostasia del Vaticano II,stabilì il grande patto dal nome concordato Vaticano-Mosca.

Il Vaticano concordò di non condannare il Comunismo durante il Vaticano II, in cambio di fare rispettare le procedure agli Scismatici Orientali.

Un patto, per così dire, straordinario. Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù chiaramente un frammassone e verosimilmente un comunista;

Egli fù l’uomo che iniziò il gigantesco complotto e la gigantesca apostasia della setta del Vaticano II.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, con degli Scismatici Orientali durante il Vaticano II.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, vide dove si sarebbero seduti gli osservatori acattolici durante il Vaticano II e proclamò: 

“Ciò non va. Mettete i nostri fratelli separati vicino a me.”

Come affermò un contento Anglicano:

“Sicché, lì eravamo – in primissima fila.”

L’11/10/1962, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, tenne il suo discorso iniziale del concilio.

Discorso iniziale del Concilio Vaticano II, Antipapa Giovanni XXIII:

“Dicono che la nostra era, in confronto a quelle passate, stia peggiorando, ed essi si comportano come se al tempo dei concili passati tutto fosse in completo trionfo per l’idea e per la vita Cristiana e per la giusta libertà religiosa.

Noi ci sentiamo di dissentire da quei profeti di depressione, i quali prevedono sempre il disastro, come se la fine del mondo fosse giunta.

Nel presente ordine delle cose la Divina Provvidenza ci sta conducendo verso un nuovo ordine di relazioni umane… 

… gli errori svaniscono tanto velocemente quanto essi arrivano, come la nebbia dinnanzi al sole.

La Chiesa si è sempre opposta a questi errori.

Spesso essa li ha condannati con la più grande severità. 

Oggidì, tuttavia, la Sposa del Cristo preferisce utilizzare la medicina della misericordia piuttosto che quella della severità. 

Essa considera di andare incontro alle necessità del mondo odierno nel dimostrare la validità del suo insegnamento piuttosto che delle sue condanne. 

… Sfortunatamente, l’intera famiglia Cristiana non ha ancora ottenuto pienamente questa visibile unità nella verità.”

Mirabilmente, nel suo discorso iniziale del Vaticano II, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, proclamò la bestemmia per cui la Chiesa Cattolica si era storicamente opposta agli errori, condannandoli, ma che da quel momento innanzi essa non avrebbe più emesso condanne alcune.

Egli asserì anche l’eresia donde l’intera famiglia Cristiana non aveva ancora ottenuto la visibile unità nella verità. Innanzitutto, l’intera famiglia Cristiana è solamente composta dai Cattolici. 

Affermare che l’intera famiglia Cristiana include gli acattolici, come fece Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, è eresia.

Dopodiché, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, proclamò l’abominio donde la famiglia Cristiana, ossia, la Chiesa Cattolica, non aveva ancora ottenuto la visibile unità nella verità.

Ciò è eresia, é una negazione dell’unità della vera Chiesa Universale del Cristo, la Chiesa Cattolica.

La vera Chiesa Universale, la Chiesa Cattolica, è Una in Fede Universale.

La Chiesa Cattolica ha già ottenuto l’unità ed essa manterrà sempre una visibile unità nella verità.

Papa Leone XIII, Satis cognitum, 29/01/1896:

“La Chiesa con rispetto alla sua unità appartiene alla categoria delle cose indivisibili per natura, sebbene gli eretici tentino di dividerla in molte parti.”

Papa Leone XIII, Satis cognitum, 29/01/1896:

“Esiste un Dio, un Cristo, la Sua Chiesa è Una, la Fede è una ed un popolo, congiunto nella solida unità del corpo nel legame della concordia. 

Questa unità non può essere rotta, né l’un corpo diviso mediante la separazione delle sue parti costituenti.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, tentò ancora di cambiare le rubriche del breviario e del messale.

Egli ordinò la sospensione delle orazioni Leonine, le preghiere prescritte da Papa Leone XIII da recitare dopo la Santa Messa.

Tale orazioni furono anche prescritte da Papa San Pio X e da Papa Pio XI.

Tali includevano l’orazione all’Arcangelo San Michele, una preghiera specificamente menzionante la battaglia della Chiesa Cattolica contro il Diavolo.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, tentò di rimuovere il salmo Judica me dalla Santa Messa.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, tentò, poi, di sopprimere l’Ultimo Vangelo, il Santo Vangelo di San Giovanni.

Tale Santo Vangelo è utilizzato negli esorcismi.

Dopodiché, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, tentò di eliminare il secondo Confiteor durante la Santa Messa. 

Solamente dopo tutti tali apparenti cambiamenti introdusse egli un apparente cambiamento al canone della Santa Messa inserendo il nome di San Giuseppe.

La richiesta di introdurre il nome di San Giuseppe nel canone fu ufficialmente rigettata da Papa Pio VII, il 16/09/1815 e da Papa Leone XIII, il 15/08/1892.

Gli altri maggiori tentati cambiamenti concernenti il Santo Sacrificio della Santa Messa, precedenti l’interamente nuova “messa” di Antipapa Paolo VI del 1969, entrarono in vigore la prima Domenica di Avvento del 1964. 

Antipapa Giovanni XXIII sul Socialismo ed il Comunismo

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, scrisse una lettera lodante Marco Sangnier, il fondatore del Sillon.

Il Sillon fù un’organizzazione già condannata da Papa San Pio X.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, scrisse circa Sangnier:

“Il potente fascino delle sue parole, della sua anima, mi ha scosso e le memorie più vive della mia intera giovinezza sacerdotale sono per la sua persona e la sua attività sociale e politica… “.

Nella sua enciclica “Mater e magistra”, circa la Cristianità ed il progresso sociale, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, promuove gli ideali socialisti, condannando la contraccezione ed il Comunismo nemmeno una volta.

Dinnanzi alla domanda per cui egli avrebbe risposto al benvenuto di un dittatore comunista, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, replicò:

“Io sono Papa Giovanni non per alcun merito personale, bensì in virtù di un atto di Dio e Dio è in ognuno di noi.”

“Giovanni si divertiva molto con i comunisti;

si sarebbe potuto pensare che essi fossero i suoi stessi fratelli.”

Il Comunismo venne condannato 35 volte da Papa Pio XI e 123 volte da Papa Pio XII.

Rada era la figlia del primo ministro dell’URSS Cruscev.

Il 06/03/1963, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, ricevette Alessio Azzubei e sua moglie Rada in un’udienza speciale.

Rada parlò del suo incontro con Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII:

“… egli diede a me ed Alessio un paio di doni simbolici, intesi per mio padre.

Disse anche:

“…quello è per il tuo babbo.”

Il giorno del suo ottantesimo compleanno, il 25/11/1961, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, ricevette un telegramma da Cruscev offrentegli “le sue congratulazioni ed i suoi sinceri auguri per una buona salute ed un successo nelle sue nobili aspirazioni per contribuire alla… pace sulla Terra.”

Il segretario generale del partito comunista Britannico, Giovanni Gollan, dinnanzi alle telecamere della televisione, il 21/04/1963, affermò che “l’enciclica Pacem in Terris” di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Giovanni XXIII, lo aveva sorpreso e rallegrato, facendogli esternare, quindi, “la sua più sincera soddisfazione durante il recente ventottesimo congresso del partito.”

Uno dei buoni amici di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, era il comunista e vincitore del “premio Lenin” per la pace Giacomo Manzu.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, affermò:

“Io non vedo alcuna ragione per cui un Cristiano non possa votare per un Marxista ove egli trovasse quest’ultimo più calzante per seguire una tale linea politica ed un tale destino storico.”

La Chiesa Cattolica ha condannato il Comunismo in oltre 200 diverse occasioni.

Antipapa Giovanni XXIII lodato dai frammassoni e dai comunisti durante il suo “Pontificato”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, “Pacem in Terris”, 11/04/1963:

“Inoltre, fra i diritti dell’uomo vi è quello del potere adorare Dio secondo i giusti dettami della sua coscienza e di professare la sua religione sia in pubblico che in privato.”

Ciò è eresia.

Non è un diritto umano adorare i falsi dei in pubblico.

Ciò è stato condannato da molti Papi, come coperto nella sezione riguardante il Vaticano II.

Quando il teologo del Santo Uffizio, Padre Ciappi, comunicò ad Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, che la sua enciclica “Pacem in Terris” contraddiceva l’insegnamento dei Papi Gregorio XVI e Pio XI circa la libertà religiosa, egli rispose:

“Io non sarò offeso da alcune macchie se la più parte di essa risplende.”

L’enciclica di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, “Pacem in Terris” fu lodata dalle guide massoniche stesse come un documento massonico.

Ecco solamente alcuni esempi.

Tale citazione proviene dal Bollettino massonico, l’organo ufficiale del consiglio supremo del trentatreesimo grado dell’antico ed accettato rito Scozzese dei massoni, per il distretto massonico degli Stati Uniti del Messico, ubicato a Lucerna Street 56, Messico, D.F., Anno 18, Numero 220, Maggio 1963.

La luce del grande architetto dell’universo illumina il Vaticano.

Parlando generalmente, l’enciclica “Pacem in Terris”, indirizzata a tutti gli uomini di buona volontà, ha ispirato conforto e speranza. 

Sia nei paesi democratici che in quelli comunisti essa è stata lodata universalmente. 

Solamente i dittatori Cattolici la hanno disapprovata, distorcendone lo spirito.

A noi molti concetti e dottrine in essa contenute suonano familiari.

Noi li abbiamo uditi da illustri fratelli razionalisti, liberali e socialisti. 

Dopo avere attentamente pesato il significato di ciascuna parola noi potremmo dire che nonostante la tipica spazzatura letteraria proverbiale Vaticana l’enciclica “Pacem in Terris” è un’affermazione vigorosa di dottrina massonica… noi non esitiamo a raccomandarne la sua ponderata lettura.”

Nel suo libro Risorgimento del tempio [Resurgence du temple], pubblicato ed edito dai Cavalieri templari, frammassoni, 1975:149, la seguente citazione è di interesse:

“La direzione della nostra azione:

la continuazione dell’opera di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Giovanni XXIII, e di tutti coloro aventilo seguito sulla strada dell’universalismo templare.”

Antipapa Giovanni XXIII e gli Ebrei

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fece anche delle cose il fermare la sua vettura onde benedire gli Ebrei terminanti la loro spuria adorazione del Sabato.

Rivelò forse Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, di essere Ebreo?

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, accolse una volta degli ospiti Ebrei con le seguenti parole:

“Io sono Giuseppe, vostro fratello.”

Quantunque tale misteriosa proclamazione di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, agli Ebrei sia ed è stata frequentemente citata, il suo significato non è stato ancora spiegato.

In sede, si crede che esista una buona spiegazione per il suo significato.

Tale affermazione di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII:

“Io sono Giuseppe, vostro fratello.”, 

è una citazione proveniente da Genesi 45:4. 

Tali parole furono pronunciate da Giuseppe il patriarca, figliolo di Giacobbe, ai suoi fratelli allorquando entrarono in Egitto durante il tempo della fame.

Giacché egli era giunto alla più alta posizione nel regno degli Egizi egli era libero di dispensare i tesori del regno a suo piacimento, come, ad esempio, ai suoi fratelli.

Egli ne diede moltissimi ai suoi fratelli gratuitamente.

Allorché considerasi l’evidenza donde Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, era un frammassone, donde egli incominciò il processo di rivoluzione contro la Chiesa Cattolica mediante il Vaticano II e donde il suo “Pontificato” iniziò una nuova attitudine rivoluzionaria nei confronti degli Ebrei, fra le altre cose, il significato della sua proclamazione a loro diviene chiara. 

Siccome Giuseppe, il quale non era un Egizio, si ritrovò radicato in cima alla gerarchia degli Egizi, rivelando ciò ai suoi fratelli con l’affermazione:

“Io sono Giuseppe, vostro fratello.”,

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, comunicò agli Ebrei che egli era Giuseppe, il loro fratello, in quanto effettivamente un tentato infiltrato Ebreo apparentemente radicatosi nella più alta posizione della gerarchia Cristiana. 

Tale fù la criptica maniera di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, per rivelare che, invero, egli era un cospirante Antipapa al servizio dei nemici della Chiesa Cattolica.

Esattamente poco prima della sua morte, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, compose la seguente preghiera per gli Ebrei.

Tale preghiera venne confermata dal Vaticano come il lavoro di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXII.

Preghiera di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, per gli Ebrei: 

“Noi realizziamo oggi quanto ciechi noi siamo stati nel corso dei secoli e come noi non abbiamo apprezzato la bellezza del popolo eletto o le caratteristiche dei nostri favoriti fratelli. 

Noi siamo coscienti del marchio Divino che Caino impose sul nostro capo.”

Nel corso dei secoli nostro fratello, Abele, è giaciuto sanguinante in lacrime per terra per colpa nostra, solamente perciocché noi ci eravamo dimenticati del Tuo amore. 

Perdonaci che nel crocifiggere loro noi abbiamo crocifisso Te per una seconda volta.

Perdonaci.

“Noi non sapevamo ciò che stavamo facendo.”

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, affermò che gli Ebrei erano ancora il popolo eletto, il che è eretico.

Le parole perfidi Ebrei erano l’espressione utilizzata dai Cattolici nella Sacra Liturgia del Venerdì Santo sino alla sua tentata rimozione da parte di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, nel 1960.

La parola perfido significa infedele.

“Il Venerdì Santo del 1963 il cardinale celebrante la funzione a San Pietro pronunciò le vecchie parole, perfidi Ebrei, causa abitudine. 

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Giovanni XXIII, sorprese i fedeli fermandolo a metà con queste parole:

“Ripetilo alla nuova maniera..”

Papa Benedetto XIV, A quo primum, 14/07/1751:

“Un’altra minaccia per i Cristiani è stata l’influenza dell’infedeltà Giudaica… Sicuramente, non è stato invano che la Chiesa ha stabilito la preghiera universale offerta in alto per gli Ebrei infedeli dal sol levante al suo tramonto, ché essi siano salvati dalla loro oscurità nella luce della verità.”

Ad un bambino Ebreo appena battezzato, sicché convertitosi alla vera Fede Cattolica, Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, comunicò:

“Divenendo Cattolico tu non divieni meno Ebreo.”.

La notte della morte di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, il capo rabbino di Roma, Italia, ed altre guide della comunità Ebraica si radunarono in centinaia di migliaia a piazza San Pietro per piangerlo.

Aldeno Hatch, autore di Un uomo chiamato Giovanni:

la vita di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, [A man named John: the life of John XXIII], affermò circa Antipapa Giovanni XXIII:

“… Sicuramente nessuno dei precedenti Papi aveva così toccato i cuori dei popoli di tutte le fedi e di nessuna fede.

Poiché essi sapevano che egli li amava non importa ciò che essi fossero od in che cosa credessero.”

La morte di Antipapa Giovanni XXIII

Appresso la sua morte il Vaticano convocò Gennaro Goglia, il quale assieme ai suoi colleghi imbalsamò Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII.

Goglia inserì 10 litri di liquido imbalsamante nei polsi e nello stomaco di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, di modo da neutralizzare qualunque putrefazione.

Ciò spiega il motivo per cui il corpo di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, non si è decomposto come gli altri corpi.

Nel Gennaio del 2001 il suo corpo fu esumato e posto in un nuovo sarcofago a prova di proiettile oggi esposto nella Basilica di San Pietro.

Il viso e le mani di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, furono ricoperte con la cera.

Affermazioni da parte dei frammassoni, dei comunisti e degli acattolici lodanti Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, appresso la sua morte.

Dopo la morte di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, numerosi documenti da parte di comunisti, massoni ed Ebrei giunsero in Vaticano, esprimenti il loro dolore per la morte di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII.

Gente come “Fedele Castro e Nichita Cruscev, spedirono dei messaggi di lodi e dolore.”

Dall’edizione del 04/06/1963 de L’informatore [El informador]: 

“La grande loggia Occidentale Messicana dei liberi ed accettati massoni, per l’occasione della morte di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Giovanni XXIII, rende noto il suo dolore per la scomparsa di questo grande uomo che ha rivoluzionato le idee, i pensieri e le forme della Liturgia Cattolica Romana. 

Le sue encicliche “Mater et magistra” e “Pacem in Terris” hanno rivoluzionato i concetti favorenti la libertà ed i diritti dell’uomo. 

L’umanità ha perduto un grande uomo e noi massoni accreditiamo i suoi alti principi, il suo umanitarismo ed il suo essere un grande liberale.

Guadalajara, Messico, 03/06/1963, Dottor Giuseppe Guadalupe Zuno Hernandez.”

Carlo Riandey, un sovrano del Gran maestro delle società segrete, nella sua prefazione ad un libro di Ivo Marsaudon, ministro di stato del Supremo consiglio delle società segrete Francesi, affermò:

“Alla memoria di Angelo Giuseppe Roncalli, prete, arcivescovo di Messamaris, nunzio Apostolico in Parigi, cardinale della Chiesa Romana, patriarca di Venezia, antipapa sotto il nome di Giovanni XXIII, il quale si è degnato di donarci la sua benedizione, la sua comprensione e la sua protezione.”

La seconda prefazione al libro era indirizzata al “suo augusto continuatore, Sua Santità antipapa Paolo VI“.

Il massone di alto ragno, Carlo Giacobbe Burckhardt, scrisse nel Giornale di Ginevra [Journal de Genève]:

“Io conosco il cardinale Roncalli molto bene.

Egli era un deista ed un razionalista la cui forza non giaceva nell’abilità nel credere ai miracoli e nel venerare il sacro.”

Un eretico non può essere un valido Papa

Come già visto, la Chiesa Cattolica insegna la verità donde un eretico non può essere validamente eletto Papa, giacché un eretico non è un membro della Chiesa Cattolica.

I fatti in sede presentati dimostrano che Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, l’uomo che convocò il Vaticano II ed incominciò l’apostatica chiesa conciliare,

fù chiaramente un eretico. 

Egli non fu un valido Papa.

Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, fù un Antipapa cospirante ed acattolico che diede inizio all’apostasia del Vaticano II.

Lo stupefacente parallelismo tra Antipapa Giovanni XXIII primo del Grande Scisma di Occidente ed Antipapa Giovanni XXIII secondo del Vaticano II

Il nome Giovanni era stato evitato dai Papi per 500 anni in quanto l’ultimo uomo ad averlo avuto era stato il notorio Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, primo, Baldassarre Cossa, del Grande Scisma di Occidente.

I parallelismi tra Antipapa Giovanni XXIII primo, Baldassarre Cossa, ed Antipapa Giovanni XXIII secondo, Angelo Giuseppe Roncalli, sono struggenti.

Il regno di Antipapa Giovanni XXIII primo durò 5 anni, dal 1410 al 1415, siccome il recente regno di Antipapa Giovanni XXIII secondo, dal 1958 al 1963.
Antipapa Giovanni XXIII primo convocò un concilio spurio, il Concilio di Costanza. 
Esso, dipoi, divenne un vero concilio ecumenico, con certe sessioni di esso approvate dal vero Papa;
tuttavia, all’epoca della sua apertura da parte di Antipapa Giovanni XXIII primo, esso era un falso concilio. 
Parimenti, anche Antipapa Giovanni XXIII secondo, quello recente, Angelo Giuseppe Roncalli, convocò un falso concilio, il Concilio Vaticano II.
Antipapa Giovanni XXIII primo aprì il suo falso concilio a Costanza, Germania, nel quarto anno del suo regno, 1414. Antipapa Giovanni XXIII secondo, quello recente, aprì il Vaticano II nel quarto anno del suo regno, 1962.
Il regno di Antipapa Giovanni XXIII primo terminò poco prima della terza sessione del suo falso concilio, nel 1415.
Antipapa Giovanni XXIII secondo, quello recente, morì poco dopo la terza sezione del Vaticano II, nel 1963, terminando dunque il suo regno.

In sede, si ritiene che le similarità tra Antipapa Giovanni XXIII, primo ed il secondo non siano mere coincidenze. Antipapa Giovanni XXIII primo fu anche l’ultimo Antipapa regnante da Roma, Italia.

Indicò Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII secondo, quello recente, tramite la scelta di tale nome, simbolicamente, nella maniera criptica dei frammassoni, la sua continuazione nella linea degli Antipapi regnanti da Roma, Italia?

Il “cardinale” Heenan, presente al conclave del 1958 avente generato la spuria elezione di Angelo Giuseppe Roncalli, alias Antipapa Giovanni XXIII, dichiarò una volta:

“Non vi era alcun grande mistero circa l’elezione di Papa Giovanni.

Egli fu scelto perocché egli era un uomo molto vecchio.

Il suo compito primario era quello di rendere il monsignor Montini, di poi Paolo VI, arcivescovo di Milano, cardinale acciocché egli fosse eletto nel prossimo conclave.

“Quella era la politica ed essa fu svolta precisamente.”

Note di fine sezione:

[1] Ivo Marsaudon nel suo libro L’ecumenismo visto da un frammassone tradizionale [Ecumenism viewed by a traditional freemason], Edizioni Vitiano, Francia, citato da Rama Coomaraswamy, La distruzione della Tradizione Cristiana [The destruction of the Christian Tradition], SUA, pagina 247.

[2] Lorenzo Elliott, Io sarò chiamato Giovanni [I will be called John], 1973, SUA, pagine 90-92.

[3] Luigi Accattoli, Quando un Papa chiede il perdono [When a Pope asks forgiveness], 1998, Casa di Alba e figliole di San Paolo [Alba house and daughters of Saint Paul], SUA, pagine 18-19.

[4] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 93. 

[5] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 94.

[6] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 96.

[7] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 98.

[8] Il messaggero di Sant’Antonio [Saint Anthony’s messenger], SUA, Novembre 1996.

[9] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 117.

[10] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 118.

[11] Paolo Murphy e Renato Arlington, La Papessa [La Popessa], 1983, SUA, pagine 332-333.

[12] Maria Ball Martinez, Il minare la Chiesa Cattolica [The undermining of the Catholic Church], 1999, Hillmac, Messico, pagina 117.

[13] Giovanni Cubeddu, 30 giorni [30 days], Numero 2, 1994, SUA pagina 25.

[14] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 90.

[15] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 121.

[16] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 123.

[17] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 99.

[18] Reverendo Francesco Murphy, Giovanni XXIII giunge in Vaticano [John XXIII comes to the Vatican], 1959, SUA, pagina 139.

[19] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 114.

[20] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 125.

[21] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 104.

[22] Marco Fellows, Fatima nell’incertezza [Fatima in twilight], 2003, Pubblicazioni di Marmion [Marmion publications], SUA, pagina 159.

[23] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 105.

[24] Claudia Carlen, Le encicliche Papali [The Papal encyclicals], Volume 4, 1990, Stamperia Pierian [The Pierian Press], SUA, pagina 434.

[25] Pietro Hebblethwaite, Giovanni XXIII: il Papa del concilio [John XXIII: the Pope of the council], 1988 Doubleday, SUA, pagina 271.

[26] Paolo Johnson, Papa Giovanni XXIII [Pope John XXIII], pagine 37, 114-115, 130.

[27] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 24.

[28] Rivista del tempo [Time magazine], Uomo dell’anno del 1962: Papa Giovanni XXIII [1962 man of the year: Pope John XXIII], SUA, 04/01/1963.

[29] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 49.

[30] Romano Amerio, Iota unum, 1998, Stamperia dell’Angelus [Angelus press], SUA, pagina 241.

[31] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 134.

[32] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 110.

[33] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 192.

[34] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 192.

[35] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 194.

[36] Luigi Accattoli, Quando un Papa chiede il perdono [When a Pope asks forgiveness], 1998, Casa di Alba e figliole di San Paolo [Alba house and daughters of Saint Paul], SUA, pagina 19.

[37] Enrico Denzinger, Le fonti del dogma Cattolico [The sources of Catholic dogma], 1957, Compagnia del libro di Herder [Herder book company], SUA, numero 705.

[38] Rivista del tempo [Time magazine], Uomo dell’anno del 1962: Papa Giovanni XXIII [1962 man of the year: Pope John XXIII], SUA, 04/01/1963.

[39] Allegri, Il Papa che ha cambiato il mondo, 1998, Italia, pagina 120; citato ancora in Sacerdotium (11), SUA, pagina 58.

[40] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 193.

[41] Claudia Carlen, Le encicliche Papali [The Papal encyclicals], Volume 3, 1990, Stamperia Pierian [The Pierian Press], SUA, pagina 316.

[42] Luigi Accattoli, Quando un Papa chiede il perdono [When a Pope asks forgiveness], 1998, Casa di Alba e figliole di San Paolo [Alba house and daughters of Saint Paul], SUA, pagina 20.

[43] Padre F. Lasance, Il mio libro di preghiera [My prayer book], 1938, pagina 520a.

[44] Padre Paolo O’Sullivan, Santa Filomena: l’operatrice di meraviglie [Saint Philomena: the wonder worker], 1993, Libri Tan [Tan books], SUA, pagine 69-70.

[45] Donno [Donald] Attwater, Un dizionario Cattolico [A Catholic dictionary], 1997, Libri Tan [Tan books], SUA, pagina 72.

[46] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 135.

[47] Marco Fellows, Fatima nell’incertezza [Fatima in twilight], 2003, Pubblicazioni di Marmion [Marmion publications], SUA, pagina 180.

[48] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 14.

[49] Gualtiero Abbott, I documenti del Vatican II [The documents of Vatican II], 1966, La stamperia di America [The America press], SUA, pagine 712, 716, 717.

[50] Claudia Carlen, Le encicliche Papali [The Papal encyclicals], Volume 2, 1990, Stamperia Pierian [The Pierian Press], SUA, pagina 389.

[51] Claudia Carlen, Le encicliche Papali [The Papal encyclicals], Volume 2, 1990, Stamperia Pierian [The Pierian Press], SUA, pagina 390.

[52] Il regno di Maria [The reign of Mary], 1986, SUA, pagina 10.

[53] Il regno di Maria [The reign of Mary], Volume 29, Numero 93, 1986, SUA, pagina 16.

[54] Il regno di Maria [The reign of Mary], Volume 29, Numero 93, 1986, SUA, pagina 16.

[55] Il regno di Maria [The reign of Mary], Volume 22, Numero 64, 1986, SUA, pagina 8.

[56] Il regno di Maria [The reign of Mary], 1986, SUA, pagine 9-10.

[57] Angelo Giuseppe Roncalli [Angelo Giuseppe Roncalli: John XXIII], Missione in Francia [Mission to France], 1944-1953, pagine 124-125.

[58] Il regno di Maria [The reign of Mary], 1986, SUA, pagina 9.

[59] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 57.

[60] Piero Compton, La Croce rotta [The broken Cross], 1984, Pubblicazioni Veritas [Veritas publications], Australia, pagina 45.

[61] Curto Klinger, Ride un Papa: storie di Giovanni XXIII [A Pope laughs: stories of John XXIII], 1964, [Holt, Rinehart e Winston [Holt, Rinehart and Winston], SUA, pagina 24.

[62] Marco Fellows, Fatima nell’incertezza [Fatima in twilight], 2003, Pubblicazioni di Marmion [Marmion publications], SUA, pagina 177; ancora in Piero Compton, La Croce rotta [The broken Cross], 1984, Pubblicazioni Veritas [Veritas publications], Australia, pagina 44.

[63] Padre Gioacchino Arriaga, La nuova chiesa Montiniana [The new Montinian church], SUA, pagina 170.

[64] Curto Guglielmo Pepper, Un artista ed il Papa [An artist and the Pope], Grosset e Dunlap incorporata [Grosset and Dunlap incorporated], Regno Unito, copertina, copertina interna e pagina 5.

[65] Padre Gioacchino Arriaga, La nuova chiesa Montiniana [The new Montinian church], SUA, pagina 570.

[66] Michele Davies, Il concilio di Papa Giovanni [Pope John’s council], 1992, Stamperia dell’Angelus [Angelus press], SUA, pagina 150.

[67] Ristorazione Cattolica [Catholic restoration], Marzo-Aprile 1992, SUA, pagina 29.

[68] Padre Gioacchino Arriaga, La nuova chiesa Montiniana [The new Montinian church], SUA, pagine 147-148.

[69] A.D.O. Datus, Ab initio, pagina 60.

[70] Giorgio Weigel, Testimone alla speranza [Witness to hope], 1999, Pubblicatori Harper Collins incoporati [Harper Collins publishers incorporated], SUA, pagina 484.

[71] Bartolomeo McDowell, Dentro al Vaticano [Inside the Vatican], 1991, Società geografica nazionale [National geographic society], SUA, pagina 193; ancora in Rivista del tempo [Time magazine], Uomo dell’anno del 1962: Papa Giovanni XXIII [1962 man of the year: Pope John XXIII], SUA, 04/01/1963; citato anche in La Bibbia, gli Ebrei e la morte di Gesù [The Bible, the Jews and the death of Jesus], Cosiddetto Comitato dei vescovi per gli affari ecumenici ed inter-religiosi, Conferenza Statunitense dei “vescovi” Cattolici, 2004, SUA, pagina 59.

[72] Il regno di Maria [The reign of Mary], Giovanni XXIII e gli Ebrei [John XXIII and the Jews], 1986, SUA, pagina 11.

[73] Il messaggero di B’nai B’rit [B’nai B’rith messenger], Venerdì 04/11/1964.

[74] Luigi Accattoli, Quando un Papa chiede il perdono [When a Pope asks forgiveness], 1998, Casa di Alba e figliole di San Paolo [Alba house and daughters of Saint Paul], SUA, pagina 15.

[75] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, pagina 192.

[76] Claudia Carlen, Le encicliche Papali [The Papal encyclicals], Volume 1, 1990, Stamperia Pierian [The Pierian Press], SUA, pagine 41-42.

[77] Ristorazione Cattolica [Catholic restoration], Maggio-Giugno 1993, SUA, pagina 24.

[78] Darcio [Darcy] O’ Brien, Il Papa nascosto [The hidden Pope], 1998, Libri di alba [Daybreak books], SUA, pagina 10.

[79] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, dopo pagina 238 (prima pagina di inserto).

[80] Guendalina Reardon, Le morti dei Papi [The deaths of the Popes], 2004, McFarland ed altri incorporata [McFarland and company incorporated], SUA, pagina 244.

[81] Guendalina Reardon, Le morti dei Papi [The deaths of the Popes], 2004, McFarland ed altri incorporata [McFarland and company incorporated], SUA, pagina 244.

[82] Aldeno Hatch, Un uomo chiamato Giovanni [A man named John], 1963, Compagnia dei libri di Hawthorn [Hawthorn books incorporated], SUA, dopo pagina 238 (settima pagina di inserto).

[83] Padre Gioacchino Arriaga, La nuova chiesa Montiniana [The new Montinian church], SUA, pagina 147.

[84] Piero Compton, La Croce rotta [The broken Cross], 1984, Pubblicazioni Veritas [Veritas publications], Australia, pagina 50.

[85] Piero Compton, La Croce rotta [The broken Cross], 1984, Pubblicazioni Veritas [Veritas publications], Australia, pagina 50.

[86] A.D.O Datus, Ab initio, pagina 60.

[87] La biografia del cardinale Heenan [Cardinal Heenan’s biography], Corona di spine [Crown of thorns].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *