Egli avrebbe accettato ed accettava i divorziati. Egli accettava anche facilmente coloro viventi in ciò che la Chiesa appella peccato. (‘Padre’ Mario Senigaglia, Segretario di Antipapa Giovanni Paolo I allorquando ‘patriarca’ di Venezia, Italia.)

Antipapa Giovanni Paolo I (Albino Luciani)

L’uomo essentesi appellato Papa tra Antipapa Paolo VI ed Antipapa Giovanni Paolo II per 33 giorni nel 1978.

Albino Luciani, Antipapa Giovanni Paolo I, nacque figlio di un socialista convinto. Antipapa Giovanni XXIIIconsacrò Albino Luciani vescovo” personalmente, il 27 dicembre 1958. Albino Luciani fu eletto “cardinale” da Antipapa Paolo VI.

Albino Luciani aveva formato amicizie con molti acattolici. Filippo Potter, segretario del Concilio mondiale delle “chiese“, era stato un suo ospite di casa. Altri suoi ospiti avevano incluso degli Ebrei e dei cosiddetti Cristiani Anglicani Pentecostali. Egli aveva scambiato anche dei libri e delle lettere molto amichevoli con Giovanni Kung.

Albino Luciani, Antipapa Giovanni Paolo I, aveva citato positivamente Giovanni Kung svariate volte durante i suoi sermoni. Per coloro non sapentilo, Giovanni Kung nega la Divinità di Gesù Cristo. Albino Luciani era cosciente che una serie di Cattolici laici da lui conosciuti era membra di varie logge massoniche, grossomodo alla stessa maniera donde egli era amico con dei comunisti“.

Albino Luciani aveva operato un profondo studio della “genitorialità responsabile“, consultandosi con molti dottori e teologi. Come avevano fatto Antipapi Giovanni XXIII e Paolo VI, Albino Luciani aveva studiato la possibilità della cosiddetta pillola come metodo “naturale” onde regolare le nascite. Coloro caduti nell’uso della contraccezione artificiale, dipoi recatisi da Albino Luciani per la confessione, lo descrissero come molto compassionato.

Nell’Aprile del 1968 Albino Luciani scrisse e sottomise una rassegna ad Antipapa Paolo VI raccomandando che la pretesa Chiesa Cattolica approvasse l’uso della pillola anticoncezionale sviluppata dal professor Pincus. Albino Luciani raccomandò che tale pillola divenisse la pillola “Cattolica” del controllo natale. La stampa unita internazionale [United press international] scoprì che Albino Luciani difese un regolamento Vaticano a favore del controllo natale artificiale. Anche i giornali riportarono dei pettegolezzi. Di modo da sostanziarli, tali rassegne si riferirono al documento inviato ad Antipapa Paolo VI dal “cardinale” Urbani di Venezia, Italia, nel quale la forte raccomandazione a favore della pillola contraccettiva era stata resa.

Dipoi, durante il suo “Papato“, allorquando egli fu Antipapa Giovanni Paolo I, Albino Luciani citò spesso i pronunciamenti delle encicliche di Antipapa Paolo VI. Palesemente assente fu la sua referenza ad Humanae vitae.

Il 13 aprile 1968 Albino Luciani parlò al popolo di Vittorio Veneto del tema del controllo natale. Albino Luciani operò le seguenti osservazioni.

Osservazione di Albino Luciani sul controllo natale: “È più facile oggi, data la confusione causata dalla stampa, trovare persone sposate non credenti di peccare. Se ciò accadesse sarebbe opportuno, sotto le usuali condizioni, di non disturbarle… Preghiamo talché il Signore aiuti il Papa a risolvere questa questione, per cui i Cattolici siano in grado di utilizzare il controllo natale. Vi è forse mai stata una questione così difficile per la Chiesa – sia per le difficoltà intrinseche che per le numerose implicazioni influenzanti altri problemi che per la maniera acuta donde essa è percepita dalla vasta maggioranza della gente.

Allorché Albino Luciani divenne “patriarca” di Venezia, Italia, il suo segretario personale era “Padre” Mario Senigaglia. “Padre” Mario Senigaglia discuteva con Albino Luciani – con il quale egli aveva sviluppato una relazione quasi paterna – di vari casi morali coinvolgenti i parrocchiani. Albino Luciani approvava sempre la prospettiva assunta da “Padre” Mario Senigaglia. “Padre” Mario Senigaglia rivelò: “Abbiamo reso il sesso l’unico peccato, quando invero esso è legato alla debolezza ed alla fragilità umana ed è, dunque, forse il minore dei peccati.”.

Padre” Mario Senigaglia confermò che la visione privata di Albino Luciani sul divorzio avrebbe sorpreso la critica:

Egli avrebbe accettato ed accettava i divorziati. Egli accettava anche facilmente coloro viventi in ciò che la Chiesa appella peccato.”

Egli fu anche un promotore del falso ecumenismo. Durante i suoi 9 anni come patriarca di Venezia egli ospitò 5 conferenze ecumeniche, incluso l’incontro della Commissione internazionale Cattolica Anglicana Romana, la quale introdusse una dichiarazione concordata circa l’autorità nel 1976…

Albino Luciani circa una nuova organizzazione internazionale

Albino Luciani: “Un disarmo graduale, controllato ed universale sarebbe possibile solamente se un’organizzazione internazionale con poteri e possibilità più efficienti per delle sanzioni delle Nazioni Unite sorgesse…

Albino Luciani sui Cristiani

Citando “Grand’alma [Mahatma]” Gandi Albino Luciani affermò: “Io ammiro il Cristo ma non i Cristiani.“. In un sermone Orientale nel 1976 Albino Luciani operò la seguente dichiarazione.

Dichiarazione di Albino Luciani nel 1976: “Sicché, la moralità Cristiana adottava la teoria della guerra giusta; pertanto, la Chiesa consentiva e legalizzava la prostituzione, anche negli Stati Pontifici, mentre essa rimaneva ovviamente proibita a livello morale.

È una bestemmia asserire la malvagità per la quale la Chiesa Cattolica permetta la legalizzazione della prostituzione.

Come presunto patriarca di Venezia, Italia, il 24 dicembre1977, Albino Luciani affermò quanto segue circa la rivoluzione Francese:

… le intenzioni di coloro i quali generarono l’insurrezione e la rivoluzione erano molto buone al principio ed il motto proclamato era: ‘Libertà, fratellanza, uguaglianza.‘.”

Poco prima del conclave del 1978 fu domandata ad Albino Luciani la sua opinione per il primo neonato in provetta, Luisa Brown. Discutendo del neonato in provetta e dei suoi genitori Albino Luciani affermò:

Seguendo l’esempio di Dio, desiderante ed amante la vita umana, anche io invio i miei migliori auguri al neonato. Quanto ai genitori, io non ho alcun diritto di giudicarli; soggettivamente, ove essi avessero agito con buone intenzioni ed in buonafede essi potrebbero persino avere grande merito dinnanzi a Dio per ciò che essi hanno deciso e domandato di fare ai dottori.“.

Albino Luciani aveva messo in pratica più di ogni altro “cardinale” lo spirito del Concilio Vaticano II di Antipapa Giovanni XXIII. Antipapa Giovanni Paolo I tentò di rinunciare alla tiara Papale e tentò di rimpiazzare la cerimonia dell’incoronazione con una semplice celebrazione. La tiara venduta da Antipapa Paolo VI fu apparentemente rimpiazzata dal pallio, una stola di lana bianca attorno alle spalle.

Antipapa Giovanni Paolo I affermò ciò che segue nel suo primo discorso annunciante il programma del suo “Pontificato“. 

1. “L’eco della sua vita quotidiana testifica che, nonostante tutti gli ostacoli, essa, la Chiesa, vive nel cuore degli uomini, anche quelli non condividenti la sua verità od accettanti il suo messaggio.

2.  il Concilio Vaticano II, agli insegnamenti del quale noi desideriamo commettere il nostro totale ministero, …

3. “Noi desideriamo continuare a mettere in effetto l’eredità del Concilio Vaticano II. Le sue sagge norme dovrebbero essere espletate e perfezionate.

4. “… noi poniamo una priorità sulla revisione dei 2 codici del diritto canonico: quello della tradizione Orientale e quello della tradizione Latina…

5. Noi desideriamo continuare la spinta ecumenica, che noi consideriamo essere una direttiva finale dai nostri immediati predecessori.

Durante l’inaugurazione di Antipapa Giovanni Paolo I egli dichiarò:

Noi accogliamo con reverenza ed affetto anche tutte le persone del mondo. Noi li consideriamo e li amiamo come nostri fratelli e sorelle, giacché essi sono figlioli dello Stesso Padre Celeste e fratelli e sorelle in Gesù Cristo.

Parlando ad un amico del “patriarca” Scismatico di Mosca, Russia, Nicodemo, Antipapa Giovanni Paolo I lo appellò un vero santo.

In una lettera al nuovo “patriarca” Scismatico di Mosca, Russia, trattante la morte del recentemente deceduto “patriarca” Scismatico di Mosca, Russia, Antipapa Giovanni Paolo I proclamò quanto segue.

Antipapa Giovanni Paolo I del deceduto “patriarca” Scismatico di Mosca, Russia: “… noi esprimiamo a Sua Santità ed al santo sinodo della chiesa Ortodossa Russa i nostri sentimenti di deciso dolore. Noi vi assicuriamo della nostra orazione per il riposo dell’anima di questo devoto servo della sua chiesa e costruttore delle relazioni in via di espansione tra le nostre chiese. Che Iddio lo riceva nella Sua gioia e nella Sua pace.

Antipapa Giovanni Paolo I appellò il deceduto Scismatico Russo, avente rigettato l’Infallibilità Papale e gli ultimi 13 concili dogmatici, fra gli altri insegnamenti Cattolici rinnegati, un devoto servo della sua chiesa. 

Antipapa Giovanni Paolo Icredeva in una più ampia condivisione di potere con i vescovi nel mondo ed aveva programmato di decentralizzare la struttura Vaticana.

Antipapa Giovanni Paolo I proclamò: “‘La Chiesa non dovrebbe detenere potere né possedere ricchezza… Quanto bello sarebbe stato se il Papa stesso avesse rinunciato a tutto il potere temporale?“.Antipapa Giovanni Paolo Icomunicò ai corpi diplomatici che il Vaticano avrebbe rinunciato a tutti i suoi diritti di potere temporale.

Papa Pio IX, Nullis certe Verbis (1), 19 gennaio 1860: “… in gentili lettere inviateci ed in lettere pastorali di altri dotti e religiosi scritti voi denunciaste veementemente i sacrileghi attacchi verso il potere civile della Romana Chiesa. Difendendo costantemente questo dominio voi proclamaste ed insegnaste che Iddio diede il potere civile al Romano Pontefice cosicché egli, giammai soggetto ad alcun potere, esercitasse in piena libertà e senza impedimento alcuno il supremo compito del ministero Apostolico Divinamente affidatogli dal Cristo nostro Signore.

Antipapa Giovanni Paolo I parlava di Antipapa Paolo VI con affetto ed ammirazione:

Egli era un grande Papa e soffriva molto. Egli non era compreso… “.

Antipapa Giovanni Paolo I parlava di Dio come una madre. 

Antipapa Giovanni Paolo I, Messaggio dell’Angelus, 10 gennaio 1978: “Egli, Dio, è nostro padre; ancor di più, Egli è nostra madre.

Nella sua Udienza generale del 13 settembre 1978 Antipapa Giovanni Paolo I parlò del soggetto delle verità immutabili proclamando:

Quelle sono le verità: noi dobbiamo camminare sulla strada di queste verità, comprendendole sempre di più, aggiornandoci, proponendole in una forma adatta ai tempi. Anche Papa Paolo deteneva la medesima idea.”

Nel Settembre del 1978 Albino Luciani fu udito discutere negli appartamenti “Papali” con il suo segretario di stato il “cardinale” Villot: “Io sarò felice di discutere con questa delegazione Statunitense della questione. A mio avviso noi non possiamo lasciare la situazione in questo stato.“. La “questione” era la popolazione mondiale; la “situazione” era Humane vitae.

In cima alle sue priorità di riforma e cambiamento trovavanosi l’alterazione della relazione del Vaticano con il capitalismo e l’alleviamento di ciò che egli credeva essere la sofferenza direttamente proveniente da Humane vitae.  Occorre scandire che non si sta suggerendo la falsità per cui Humane vitae sia ed è un buon documento; niente n. Humanae vitae insegna che le coppie possono utilizzare il controllo natale cosiddetto naturale, indi scegliendo di avere nessun figlio, come discusso nel presente libro. Il punto è che Humanae vitae denunciava la contraccezione artificiale ed Antipapa Giovanni Paolo I era assai opposto ad essa per tale ragione.

Nel Maggio del 1978 Albino Luciani era stato invitato a presenziare ed a parlare ad un congresso internazionale tenutosi a Milano, Italia, nelle giornate del 21 e del 22 Giugno. Lo scopo principale del congresso era quello di celebrare il venturo anniversario dell’enciclica Humanae vitae. Albino Luciani fece rendere noto che egli avrebbe né presenziato né parlato a cotale congresso.

Il 19 settembre 1978 Antipapa Giovanni Paolo I ebbe un incontro con il suo segretario di stato il “cardinale” Villot, dichiarando ciò che segue.

Antipapa Giovanni Paolo I a Villot, 19 settembre 1978: “Eminenza, abbiamo discusso il controllo natale per 45 minuti circa. Se l’informazione datami, le varie statistiche, se quell’informazione fosse accurata allora durante il periodo di tempo per cui noi abbiamo discusso oltre 1000 bambini sotto l’età di 5 anni sono morti di malnutrizione. Durante i prossimi 45 minuti mentre ella ed io attenderemo con gioia il nostro prossimo pasto un altro migliaio di bambini morirà di malnutrizione. Entro quest’ora domani 30000 bambini in questo momento vivi saranno morti di malnutrizione. Dio non provvede sempre.

Il Vaticano sostenne che Antipapa Giovanni Paolo I fosse morto di un massiccio attacco cardiaco verso le 11 di mattina il 28 settembre 1978.

Si è dimostrata la realtà per la quale Antipapa Giovanni Paolo I fu un eretico manifesto il quale, fra le altre cose, approvò pienamente l’indifferentismo religioso ed il falso ecumenismo del Concilio Vaticano II. Dacché egli fu eretico egli non poté essere un Papa validamente eletto. Egli fu un Antipapa acattolico.

Note di fine sezione 15:

[1] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagine 60-61. 

[2] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 60.

[3] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA, pagina 27.

[4] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 58. 

[5] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagine 86, 190.

[6] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 190.

[7] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 201.

[8] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 35. 

[9] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 36. 

[10] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 32.

[11] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 191.

[12] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 192.

[13] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 32.

[14] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 33.

[15] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 61.

[16] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagine 60-61.

[17] J.N.D. Kelly, Dizionario di Osforda dei Papi [Oxford dictionary of Popes], 2005, Stamperia dell’università di Osforda [Oxford university press], SUA, pagina 325. 

[18] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 62.

[19] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 65.

[20] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 60.

[21] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 120.

[22] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 233.

[23] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 90.

[24] Luigi Accattoli, Quando un Papa chiede il perdono [When a Pope asks forgiveness], 1998, Casa di Alba e Figliole di San Paolo [Alba house and Daughters of Saint Paul], SUA, pagina 37.

[25] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 185.

[26] L’Osservatore Romano, 31/08/1978, pagina 6.

[27] L’Osservatore Romano, 31/08/1978, pagina 6.

[28] L’Osservatore Romano, 31/08/1978, pagina 6.

[29] L’Osservatore Romano, 31/08/1978, pagina 6.

[30] L’Osservatore Romano, 31/08/1978, pagina 6.

[31] L’Osservatore Romano, 07/09/1978, pagina 1.

[32] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 64.

[33] L’Osservatore Romano, 14/09/1978, pagina 2.

[34] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 189.

[35] Luigi Accattoli, Quando un Papa chiede il perdono [When a Pope asks forgiveness], 1998, Casa di Alba e Figliole di San Paolo [Alba house and Daughters of Saint Paul], SUA, pagina 44.

[36] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 210.

[37] Claudia Carlen, Le encicliche Papali [The Papal encyclicals], Volume 1, 1990, Stamperia Pierian [The Pierian Press], SUA, pagina 359.

[38] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 44.

[39] L’Osservatore Romano, 21/09/1978, pagina 2.

[40] L’Osservatore Romano, 21/09/1978, pagina 1.

[41] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 192,193.

[42] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 194.

[43] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 192.

[44] Davide Yallop, Nel nome di Dio: un’investigazione nell’omicidio di Giovanni Paolo I [In God’s name: an investigation into the murder of John Paul I], 1984, Libri Bantam [Bantam books], SUA, pagina 196.

[45] Raimondo e Lauretta Seabeck, Il Papa sorridente [The smiling Pope], 2004, Pubblicante del nostro visitatore Domenicale [Our Sunday visitor publishing], SUA pagina 70.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.